I COLORI ACRILICI

Sono la scoperta più recente, le prime ricerche e i primi esperimenti con emulsioni sintetiche iniziarono attorno agli anni Venti da parte di pittori messicani come Orozco, Rivera e Siqueiros, la cui esigenza era di avere  colori pratici  con le caratteristiche dei colori a olio, duttili come i colori a tempera e livelli di trasparenza dell'acquerello, nonché la resistenza agli agenti atmosferici tipica dell'affresco.

Il risultato è tale che ancora oggi gli acrilici sono la tecnica pittorica per esterni più rapida da eseguire.

Quanto a resistenza nel tempo, occorre ancora tempo per poterla giudicare dato che gli acrilici hanno cinquanta anni di età.

La tecnica dei colori acrilici è tale per cui asciuga rapidamente,  non cambia in qualsiasi condizione atmosferica.

Questa tecnica nasce con pittori messicani che pitturarono "murales" di enormi dimensioni, che raccontano la storia del Messico, con i fatti che ne hanno fatto una nazione moderna.

David Alfaro Siqueiros nel 1936 fondò a New York, dove si era trasferito per problemi  personali,  il "Siqueiros Experimental Workshop" dove cominciò a usare la <pirosselina>  la quale è una sostanza composta dalle stesse resine sintetiche usate nella verniciature delle automobili, e trovò in questo modo varie possibilità offerte dai colori a essiccamento rapido.

 

I pittori di tutto il mondo apprezzano i colori acrilici perché resistono agli agenti atmosferici.

I colori acrilici sono una emulsione di :

* Una sospensione in acqua di piccolissime particelle di resine sintetiche

* Con inglobamento del pigmento, dopo che l'acqua  è evaporata.

L'acqua che è presente negli acrilici si asciuga rapidamente,  la pellicola che si forma poi è indelebile.

Quando si lavora con gli acrilici è molto importante dosare bene l'acqua. Se si vuole ottenere  l'effetto dei colori a olio, si usa il colore senza diluirlo; se si vuole ottenere  un effetto simile a tempera e acquerello, si diluiscono più o meno.

Inoltre si possono ottenere  effetti speciali usando prodotti come:

o medium trasparenti

o opacizzanti

o gel

o ....

Su quali supporti potete dipingere:

* tela

* legno

* carta

* cartone

* muro

* ....

E se vi sbagliate?

      Attenzione perché gli acrilici asciugano rapidamente e non possono più essere ripresi, ma casomai coperti.

Per ottenere i colori acrilici, a medium leganti gel e gessi si aggiunge il pigmento.

I pigmenti sono sostanze colorate macinate fine  fine fino a diventare polvere impalpabile: mescolati al legante si agganciano al supporto. A contatto con l'ossigeno, il legante dei colori  diventa nel giro di alcuni giorni una resina solidissima che si modifica molto difficilmente (per i colori a olio occorrono decenni7.

Per lavorare i colori acrilici occorre essere rapidi. Si può dipingere a spatola senza aggiungere acqua: il colore rimane come lo si applica e non si "stende".

Normalmente viene indicato anche il grado di stabilità alla luce di ogni colori, secondo  la tabella di Standard Americano ASTM D 4302:

I. eccellente

II. molto buona

III. non sufficientemente provato

NT non provato (Not Tested)

Inoltre viene indicato il grado di trasparenza dei colori

* coprente: indicato da un cubo nero

* semicoprente: indicato da una cubo metà nero e metà bianco

* semitrasparente: indicato da un cubo bianco con una riga obliqua in mezzo

* trasparente: indicato da un cubo bianco

L'uso dei medium

Per diluire bene i colori acrilici sono consigliati i medium, che esistono anche iridescenti.  I colori iridescenti possono anche essere mescolati ai colori trasparenti o semitrasparenti in piccole quantità e così ottenere effetti di iridescenza. Garantiscono una buona resistenza alla luce anche se non supportata dallo Standard ASTM D 4302.

I colori posso tutti essere mescolati fra loro.

I MEDIUM IN GEL

Servono per ottenere effeti di brillantezza, trasparenza o opacità.

Il medium gel: è brillante, si usa quando si desidera dare al colore applicato l'impronta della spatola o penello. Aumenta la trasparenza dei colori ma conserva la consistenza della pasta. E' anche usato per incollare vari oggetti al supporto.

Il medium gel mat: è un gel opaco con consistenza simile al gel medium, ma con effetto finale opaco satinato. Se viene aggiunto ai coolori, la loro consistenza non cambia ma la brillantezza viene ridotta. Aumentando la quantità di medium mat, il colore diventa traslucido, crendo una spessa velatura opaca o semiopaca.

E' consigliabile aggiungere questo prodotto per piccole dosi, fino a otttenere l'effetto che si desidera. Il medium gel mat viene usato anche per incollare e anche per irrigidire i supporti di tela dando vita a una notevole protezione.

Il medium gel "Heavy" (=pesante): è un gel brillante, molto denso, che aggiunto ai colori consente di ottenere gli effetti della pittura a olio. Maggiore è la quantità di gel medium e maggiore è la brillantezza e la trasparenza. E' un gel molto denso, per cui è facilitata la realizzazione di grossi impasti e permette di ottenere la giusta consistenza del colore usato con spatola o pennello. Essica lentamente, per cui si può lavorare più a lungo il colore.

Il medium gel opaco "Gelex": è un medium gel opaco di ottima densità che dà una pittura molto spessa e pastosa, è un sistema economico per aumentare il volume della pittura, ma se se ne mette troppo si diminuisce l'intensità del colore.

Il Gelex si usa anche solo per realizzare le superfici a spatola o a pennello, è adatto a creare strutture a più strati. Essica lentamente. Riduce la brillantezza dei colori, dà un effetto di superficie semi-opaca. Alla fine per avere l'effetto brillantezza, è consigliato mettere uno strato di vernice brillante per colori acrilici.

 I MEDIUM FLUIDI

Il medium vernice brillante: se miscelato ai colori, non importa in quale quantità, aumenta trasparenza e brillantezza, con effetto di untuosità. Mescolato in piccole percentuali permette di ottenere dei fondi regolari, se mescolato in percentuali maggiorni, consente di ottenere leggere velature. E' anche una vernice finale brillante.

Il medium vernice mat: ha un aspetto biancastro e liquido. Dà effetto opaco satinato e senza rilievi. Riduce la brillantezza del medium brillante. Attenzione: non bisogna mai superare il 20% di medium mat nel colore, perché in questo caso si rischia di ottenere una tonalità di colore più scura.

Il medium vernice iridescente: è un medium che permette di realizzare tanti colori iridescenti, mescolandolo ai colori acrilici si ottengono effetti iridescenti, metallici. Si  aggiunge poco a poco fino a ottenere l'intensità desiderata. Aggiunti ai colori trasparenti, i medium iridescenti danno ottimi risultati, si ottengono tuttavia buoni risultati anche con i colori opachi. Quando essiccano, i colori ottenuti diventano più iridescenti e sono ancora più brillanti dopo asciutti.

Il medium per colori "Jarpaque": mescolato ai colori acrilici in vano ne aumenta il volume. L'effetto è più o meno opaco a seconda di quanto se ne usa. Per ottenere il bianco in superficie, aggiungete medium in proporzione maggiore al 50%.

ALTRI PRODOTTI:

La vernice Mat: si applica come vernice finale, serve ad ottenere una finitura opaca satinata. Se si vuole, lo si può mescolare al medium vernice brillante per ottenere una brillantezza meno forte.

 

Il medium ritardante: svolge la funzione di ritardare il tempo di essicazione. Serve anche a rendere più trasparente il colore.

 

Pasta modellante: è un prodotto a base di polvere di marmo. Si usa per creare fondi con spessore. Si applica anche in più strati. Lo si può modellare  da umido, incidere quando è secco. Se si vuole renderlo più flessibile, lo si può mescolare fino 50% di medium gel.

 

Gesso a base acrilica: è una base per tutte le pitture (a olio, acrilico, tempera). Non ingiallisce. Si secca in 30 minuti. Si applica per strati sottili. E' valido su tutti i supporti. Si può tingere con 10% di colore. Si diluisce il primo strato con medium mat, lo si lascia asciugare per 48 ore e poi si applica il colore.

 

Gessi colorati: possono essere mescolati fra di loro e con essi si ottengono tutti i tipi di fondo colorato. Su questi fondi si può dipingere a olio, acrilico.

 

Medium ritardante liquido: rallenta i tempi di essiccazione. Si possono ottenere effetti di trasparenza, velatura, colori fusi.

 

DA TENERE PRESENTE

E' meglio mescolare i colori acrilici fra di loro piuttosto che miscelare i colori acrilici con colori a tempera. Il colore acrilico è per sua natura liquido, quindi se si vuole diluirli è meglio farlo veramente poco alla volta, aggiungendo o acqua, o medium acrilico. E' necessario aggiungere l'acqua gradatamente anche per evitare che il colore acrilico perda le sue caratteristiche chimiche.

I supporti non devono avere fondi grassi.

Se dipingete i muri, devono essere preparati.

I pennelli devono essere lavati con acqua e sapone e poi asciugati.

 

Supporti: i colori acrilici sono ottimi per la pittura in esterno per la loro provata resistenza agli agenti atmosferici.

E' meglio preparare il supporto con una o più mani di gesso acrilico per conservare meglio il lavoro.

Se volete ottenere effetti come acquerello o tempera, è meglio dipingere sulla carta.

Si dipinge molto bene anche su tela, metallo, plastica.

 

Pennelli: bisogna scegliere quelli che resistono meglio ai solventi come i sintetici, che costano anche poco.. Se si devono dipingere grandi dimensioni, i pennelli di setola sono adatti perché sono rigidi e lavorano bene il colore. Se si vuole fare rifiniture, i pennelli sintetici sono validi.

Pennelli delicati come di martora o pelo di bue sono sconsigliati perché delicati.

 

Per lavorare i colori acrilici si usano anche le spatole, da usare per esempio quando si deve lavorare una grande quantità di colore, si usano anche per pulire la tavolozza quando il lavoro è terminato.

 

vai a COLORI